www.archive-it-2014.com » IT » L » LIBERATEBARABBA

Choose link from "Titles, links and description words view":

Or switch to "Titles and links view".

    Archived pages: 562 . Archive date: 2014-10.

  • Title: Liberate Barabba
    Descriptive info: .. Login.. Scrivi a Barabba.. Amministratore.. Home.. 11 | 10 | 2014.. Menu Principale.. L'associazione.. Dalla redazione di Barabba.. Speciale Gaza.. Accade.. Politica, diritti, società.. Lavoro, economia, sindacato.. Giovani Scuola.. Migranti.. Per approfondire.. Rassegna stampa.. Tempi liberi.. Appuntamenti.. Spazio Punto Rosso.. Web Link.. Archivio.. Video.. La vignetta.. Chi è online.. 25 visitatori e 2 utenti online.. Login.. Nome utente.. Password.. Ricordami.. Password dimenticata?.. Nome utente dimenticato?.. Registrati.. La Congiura dei Tecnici.. Votazione Utente:.. / 247.. Scarso.. Ottimo.. All'origine della crescita del debito pubblico nel nostro paese c'è il divorzio consumato negli anni Ottanta tra Banca d'Italia e governo politico dell'economia per ripristinare il comando del capitale sulla società.. Un percorso di lettura.. Nell'autunno 1980, gli indicatori dell'economia italiana mostravano un andamento contrastato.. Nonostante una rilevante crescita del reddito nazionale, in decisa controtendenza rispetto agli altri Paesi industrializzati, la bilancia dei pagamenti era passata dal consistente avanzo realizzato nel biennio 1977-78 ad un ancor più largo disavanzo.. L'inflazione viaggiava al ritmo del 2% al mese, con aspettative di peggioramento rese evidenti dal sostenuto aumento dei prezzi dei beni-rifugio.. Commenta (0 Commenti).. Leggi tutto.. IL FISCAL COMPACT CANCELLA LA SINISTRA.. / 33.. Qualunque sarà la maggioranza di governo, si dovrà tagliare il bilancio di un 3%, circa 48 miliardi di euro ai valori attuali.. Ma allora come è possibile, permanendo questi vincoli economici, una politica anticiclica che ci porti fuori dalla crisi senza un massacro sociale? Desta stupore la rimozione del tema del fiscal compact, e delle conseguenze che ne derivano, dal dibattito sulle scelte elettorali della sinistra italiana.. Naturalmente se ne parla in convegni economici, da ultimo quello di Sbilanciamoci.. Ma quando entrano in scena gli attori politici scende il silenzio.. Non credo si tratti solo del tradizionale provincialismo che affligge la politica nel nostro paese, per cui tutti si dichiarano europeisti e poi se ne scordano quando le elezioni si avvicinano.. LA MACCHINA RODATA DELLA CRITICA.. / 36.. Una spregiudicata e avvincente lettura di Karl Marx in un volume dei filosofi francesi Pierre Dardot e Christian Laval (Gallimard) che invita a fare i conti con il fallimento del socialismo reale e pone il problema di una rinnovata pratica dell'emancipazione.. Da oggi a Londra l'annuale kermesse internazionale dedicata all'autore de «Il capitale» Quali sono i nodi più rilevanti di questo poderoso libro di Pierre Dardot e Christian Laval (Marx, Prénom: Karl, Gallimard, pp.. 832, euro 34,90)? È necessario chiederselo perché (essendo appunto troppo voluminoso - 800 pagine - da poter esser letto di un solo colpo) solo apprestando dei dispositivi di lettura, esso può essere scorso utilmente e permettere approssimazioni per una lettura centrata sui temi fondamentali e che venga, per così dire, sempre più precisandosi.. Quel futuro negato ai lavoratori della conoscenza.. / 77.. I fatti dell'ultima primavera spagnola sono noti.. Un anno fa, le immagini erano sotto gli occhi di tutti.. Il successo del movimento fu clamoroso.. Nel giro di pochissime ore, sull'onda delle rivolte avvenute sull'altra sponda del Mediterraneo, l'iniziativa di poche centinaia di persone bucava gli schermi di tutto il mondo e rimbalzava sulla prima pagina dei quotidiani internazionali.. Il movimento aveva creato un'iconografia facilmente riconoscibile, che suscitava nello spettatore un moto di identificazione immediata.. (.. ) Nel lessico degli indignati, il ritorno della piazza deve essere interpretato come occupazione dello spazio pubblico, ossia come appropriazione fisica e/o virtuale di un territorio negato dalla politica «ufficiale», in cui si manifesta la volontà di insediarsi, di accampare.. L'affermazione del movimento riguarda dunque la presenza e la ri-politizzazione di uno spazio disertato dalla politica.. IL BILANCIO IN ROSSO DI UN CONTINENTE.. / 55.. L'economista Jacques Sapir risponde positivamente al provocatorio titolo del suo ultimo saggio «Bisogna uscire dall'euro?» e denuncia i rapporti di forza a favore dell'economia tedesca presenti nell'Unione Europea.. Le elezioni francesi e greche hanno aggiunto nuovi fattori di instabilità ad una Unione monetaria europea già economicamente e socialmente insostenibile.. D'ora in poi l'alternativa si riduce a questo: o i Paesi forti dell'Europa accettano di finanziare i Paesi deboli o di garantirne i debiti, oppure la spaccatura dell'euro diventa inevitabile.. In entrambi i casi è in gioco la definizione del piano della sovranità, della possibilità o meno di governare l'uscita dalla crisi con politiche di crescita declinate su scala nazionale o sovranazionale.. MACAO!.. QUESTA MATTINA LA TORRE GALFA E' STATA SGOMBERATA.. Il sig.. Ligresti si è ricodato di essere proprietario, dopo 15 di abbandono e decadimento, di un immobile di oltre 30 piani!.. MACAO CONTINUA COMUNQUE.. MACAO E' COME UN TRENO:UNA VOLTA PARTITO NON SI FERMA!.. MILANO HA BISOGNO DI MACAO! LUNGA VITA A MACAO!.. FIRMATE L'APPELLO.. http://www.. macao.. mi.. it/appello.. IL QUARTO STATO DEL CAPITALE.. / 35.. Un invito alla lettura.. La Redazione di LIberate barabba.. La lotta di classe non è finita, così come non sono scomparse le classi sociali.. L'ultimo libro di Luciano Gallino per Laterza sgombra il campo da molte erronee convinzioni che hanno orientato le politiche delle sinistre.. Ma è anche un invito a guardare con lucidità la crisi del pensiero critico, che non può invece essere aggirata proponendo soluzioni che non scalfiscono la religione del libero mercato Con un titolo provocatorio, parole che le ex sinistre italiane non hanno il coraggio di pronunciare, Luciano Gallino ha chiamato il suo ultimo libro La lotta di classe dopo la lotta di classe (Laterza, pp.. 212, euro 18).. La lotta di classe c'è ancora.. /  ...   terrieri inglesi.. Le sue previsioni sono state clamorosamente smentite da tre forze potenti: la dinamica della produttività agricola, il rallentamento demografico e le lotte dei lavoratori che cambiarono la distribuzione del reddito.. Commenta (1 Commento).. I salvatori dell'Italia.. / 3.. Il governo Monti ha iniziato lo scorso dicembre una manovra economica i cui primi due tempi ha modestamente chiamato “Salva Italia” e “Cresci Italia”.. Ci sembra utile tornare brevemente sia sul “salvataggio” che sulla “crescita”.. La prima fase dell’intervento è consistita in tagli di spesa e maggiori entrate per un totale di circa 30 miliardi di euro (per il 2012).. Di questi 30 miliardi, 6 consistono in aumenti di accise (carburanti) e aumenti del prezzo dei tabacchi, 1.. 6 miliardi in tagli alle pensioni, 3.. 3 miliardi in aumenti dell’IVA, 2.. 2 miliardi in un’addizionale Irpef, 2.. 8 miliardi in una riduzione di trasferimenti agli enti locali: 16 miliardi su 30 sono quindi in larghissima parte aggravi per lavoratori dipendenti e pensionati.. La manovra prevede poi anche un aumento di 11 miliardi di imposizione sugli immobili.. UN REDDITO OLTRE IL LAVORO.. Un sostegno minimo ai giovani darebbe loro la possibilità di studiare o inventarsi un futuro.. Le gaffe di Monti e delle sue maldestre ministre sul lavoro e le «oziose attitudini» della nostra gioventù - sinistra forma di scherno su una tragedia sociale di proporzioni mai viste - hanno avuto da più parti la risposta che meritavano.. Splendido, fra gli altri, Miguel Gotor su Repubblica del 7 febbraio.. Val la pena tuttavia ricordare, che i nostri uomini e donne di governo non compiono solo l'errore di scambiare la condizione privilegiata della propria famiglia con quella generale degli italiani.. Non solo confondono la complessa realtà del nostro tempo con i manuali di economia studiati nella loro lontana giovinezza.. Ma soprattutto non hanno nessuna idea delle forme inedite e socialmente distruttive che ha assunto il capitale nel nostro tempo.. L'Italia non è la Grecia.. Non posso dire quel che penso del Presidente della repubblica italiana perché a causa di una legge idiota e liberticida finirei in galera.. Chi volesse capire questo vecchio stalinista convertito al totalitarismo della finanza può leggere il libro di Ermanno Rea Mistero Napolitano in cui si racconta il suicidio di una donna comunista e libertaria di nome Francesca Spada.. Quello che non potevo prevedere è che questo signore, al quale è sembrato del tutto normale firmare le leggi di mafia che hanno distrutto il sistema comunicativo e il sistema scolastico italiano, adottasse il linguaggio e la forma mentis del razzismo italiota.. Spezzeremo le reni alla Grecia promise un tizio cui nel 1922 un re d’Italia aveva consegnato le chiavi del potere assoluto.. Trionfo delle teste di cazzo.. / 9.. Fotografarsi al Giglio.. Che bel Paese.. Mentre stanno per arrivare i primi colpi dell’iceberg che affonderà la nave Italia, ci sono le teste di cazzo, si è giusto chiamarle con il proprio nome, che trovano il tempo per andare all’Isola del Giglio, prenotare il biglietto (crescita del 600% del turismo) per farsi immortalare con moglie, marito, amante, bambini, cani e quant’altro, avendo ben visibile sullo sfondo il cadavere di metallo della Concordia.. Altri Articoli.. Wu Ming 1: sul «Non siamo di destra né di sinistra» e Beppe Grillo.. Michael Hardt e Antonio Negri: Cosa ci auguriamo per il 2012.. LA CADUTA DI B.. E L'UOVO DEL SERPENTE DI GOLDMAN SACHS.. MARX E IL GOVERNO MONTI.. SIAMO SOTTO DITTATURA E FESTEGGIAMO?.. E' solo l'inizio.. Europa nata male e come cambiarla adesso.. A PROPOSITO DI DEBITO PUBBLICO.. MICHAEL HARDT: LA VIOLENZA DEL CAPITALE.. MANTRA DEL SOLLEVARSI.. Le critiche a Parlato su violenza di piazza e diritti dei manifestanti.. Una nuova epoca.. Slavoj Zizek a Occupy Wall Street: “Noi non siamo sognatori, siamo il risveglio da un sogno che si s.. Feticismo della merce digitale e sfruttamento nascosto: i casi Amazon e Apple.. Attenti ai giovani.. IN DIFESA DI SILVIO BERLUSCONI E DELLA SUA BANDA.. Ottottobre: Festa di apertura invernale nella nuova sede.. IL PURGATORIO CHE CI ATTENDE.. Il monopolio dell'economista.. E' in gioco la democrazia.. Slavoj Žižek: Saccheggiatori di tutto il mondo, unitevi (Lenin + Smiths?).. Libia, sui massacri silenzio bipartisan.. Una discussione intorno al comune.. Dove sta la nuova politica.. Se una marziana ci visitasse.. Sciopero Cgil il 6 settembre.. Signori, è il capitalismo che ha fallito.. Il calendario della manovra.. La chimera di una crescita che non ci sarà.. Il comune in rivolta.. Una manovra costituente.. ANDREA FUMAGALLI: Il default come contropotere alla speculazione finanziaria.. La grande abbuffata di miliardi della FED.. Franco Berardi: London calling.. QUESTA E' LA RIVOLTA DEGLI ESCLUSI DAL DENARO.. La rivolta dei senza E' il primo effetto dei piani di austerity.. Non restiamo aggrappati ad una barbara reliquia.. C'E' UNA NUOVA SUPERPOTENZA.. Debiti illegittimi: le banche all'attacco delle politiche pubbliche.. Inizio.. Prec.. 1.. 2.. 3.. 4.. 5.. 6.. 7.. 8.. 9.. 10.. Succ.. Fine.. JPAGE_CURRENT_OF_TOTAL.. Ultimi articoli inseriti.. La Congiura dei Tecnici.. IL FISCAL COMPACT CANCELLA LA SINISTRA.. LA MACCHINA RODATA DELLA CRITICA.. Quel futuro negato ai lavoratori della conoscenza.. IL BILANCIO IN ROSSO DI UN CONTINENTE.. MACAO!.. IL QUARTO STATO DEL CAPITALE.. NUOVO SOGGETTO POLITICO: LAVORO E BENI COMUNI.. Medioevo della fiction.. Regressione costituzionale.. Ci vogliono far decrescere, impediamolo.. I salvatori dell'Italia.. UN REDDITO OLTRE IL LAVORO.. L'Italia non è la Grecia.. Trionfo delle teste di cazzo.. Powered By Joomla.. -.. Realizzazione mirko bozzato..

    Original link path: /
    Open archive

  • Title: Login
    Descriptive info: 19 visitatori online..

    Original link path: /index.php?option=com_user&view=login&Itemid=62
    Open archive

  • Title: Liberate Barabba
    Descriptive info: Indicare il Nome:.. Indirizzo E-mail:.. Oggetto del messaggio:.. Inserire un Messaggio:.. Invia una copia di questa e-mail al tuo indirizzo.. Invia..

    Original link path: /index.php?option=com_contact&view=contact&id=1&Itemid=64
    Open archive
  •  

  • Title: L'Associazione Liberate Barabba
    Descriptive info: Chi siamo.. Statuto.. Perché Barabba.. Barabba, in aramaico "figlio del padre", leader dei rivoluzionari antiromani, i cosiddetti zeloti, anima della rivolta contro l'autorità costituita diviene il simbolo, nella fantasia popolare, del brigante "buono" liberato al posto del Cristo.. In Lui c'è l'inquietudine del ricercatore della verità che  ...   trova salvezza nella fede, piuttosto nel dubbio: per questo ci piace.. Commenti.. Cerca.. Solo gli utenti registrati possono inviare commenti!.. Powered by.. !JoomlaComment 3.. 26.. 26 Copyright (C) 2008 Compojoom.. com / Copyright (C) 2007 Alain Georgette / Copyright (C) 2006 Frantisek Hliva.. All rights reserved.. "..

    Original link path: /index.php?option=com_content&view=article&id=69&Itemid=27
    Open archive

  • Title: Dalla redazione di Barabba
    Descriptive info: Ottottobre: Festa di apertura invernale nella nuova sede.. Scritto da alberto.. Lunedì 19 Settembre 2011 18:23.. CIRCOLO ARCI LIBERATE BARABBA.. Festa di apertura invernale.. 08/10/11 dalle 20.. 30 alle 2.. 00.. Via F.. lli Zoia, 89 - 20153 Milano.. Liberate Barabba torna con una nuova veste:.. inizia una stimolante collaborazione con.. l'Arci Ugo Brenna in Via F.. lli Zoia, 89.. a 300 mt.. dalla precedente sede.. Tre mesi di chiusura non sono passati invano,.. la nuova sede è molto più bella della precedente,.. con grandi potenzialità da sviluppare nel tempo.. Intanto vi invitiamo a questa festa di apertura.. che sarà leggendaria,.. si apre una nuova.. era per Liberate Barabba,.. nessuno può mancare questo appuntamento!.. LAST_UPDATED2.. Chiusura estiva: ultima settimana.. Martedì 28 Giugno 2011 23:13.. Giovedì 30/06/11 ore 21.. 30 Progetto video Liberate Barabba.. Venerdì 01/07/11 ore 21.. 00 Proiezione del film "America oggi" di Altman.. Sabato 02/07/11 ore 20 "Barabba libera tutti" Festa di chiusura estiva con open bar, si mangia e si beve fino ad esaurimento scorte.. Via Lamennais, 7 Milano.. Programma settimanale.. Mercoledì 22 Giugno 2011 00:08.. Giovedì 22/06/11 ore 21 Proiezione di un film a sorpresa.. Venerdì 23/06/11 ore 21.. 30 Presentazione dei racconti di Carver a cura di Alberto Ferrari.. Sabato 24/06/11 ore 20 PizzAssemblea: si decide il futuro di Liberate Barabba.. BENVENUTI A ZINGAROPOLI (CON LA PARTECIPAZIONE DI AMNESTY INTERNATIONAL).. Lunedì 13 Giugno 2011 08:50.. DALLE 20.. 00 APERITIVO.. DALLE 21.. 00: LA SITUAZIONE DEI ROM IN ITALIA: REALTA' E PREGIUDIZI.. Presentazione a cura di AMNESTY INTERNATIONAL.. ).. A SEGUIRE.. PROIEZIONE DEL FILM ".. IO, LA MIA FAMIGLIA ROM E WOODY ALLEN" DI LAURA HALILOVIC.. "Io, la mia famiglia Rom e Woody Allen" è la storia di una ragazza Rom che abita con i suoi in un quartiere popolare alla periferia di Torino.. Il racconto in prima persona esplora i cambiamenti e le difficoltà della nuova vita stanziale, affrontando i contrasti e le incomprensioni che fin da bambina la accompagnano nelle relazioni con i Gagè, ossia tutti quelli che non sono Rom.. Attraverso i ricordi dei suoi familiari, tra cui l'anziana nonna che ancora vive in un campo, le fotografie e i filmati del padre, che negli anni documenta la vita quotidiana della piccola comunità, scopriamo una realtà fino ad oggi conosciuta solo attraverso gli stereotipi e i luoghi comuni.. Il documentario non è soltanto un affresco sull'umanità delle  ...   situazione lavorativa di centinaia di dipendenti che in quegli esercizi lavorano, già sotto pressione per turni, condizioni lavorative e per le numerose aperture domenicali già effettuate e programmate (nelle prossime settimane lavoreranno, oltre al 29 maggio, anche il 2, il 5 giugno, forse il 12 e 19 giugno e sicuramente tutte le domeniche di luglio dopo aver lavorato anche il 22 maggio!).. Ci chiediamo: se il lavoro è un diritto non lo è anche il rispetto per la vita?.. Vorremmo inoltre che si riflettesse anche sul modello che queste decisioni sostengono.. Perché ci sentiamo meno “soggetto” e più “oggetto” in questo quadro.. Parafrasando Totò ci si potrebbe domandare “Siamo uomini o consumatori?”.. Esistiamo solamente se consumiamo?.. O esistiamo perché siamo?.. Barabba è colui che cammina pensando, a voi concludere o sviluppare il suo dubbio.. A coloro che decidono….. Agli amici che hanno, coraggiosamente, messo nero su bianco il loro malessere, tutta la nostra ammirazione per la loro dignità e la solidarietà per la loro situazione.. La redazione di Barabba.. Arci Liberate Barabba.. Martedì 10 Maggio 2011 17:22.. Questo giovedì partiamo alle 19 con l'aperitivo, a seguire la mostra multimediale sui fatti di Genova 2001 in vista del decennale prossimo venturo.. in via Lamennais, 7 - 20153 Milano.. Il Mostro è nato.. Lunedì 09 Maggio 2011 10:14.. l Mostro è nato ed ora sta crescendo.. Apertura Arci Liberate Barabba di questa settimana:.. Giovedì 12, Venerdì 13 e Sabato 14 dalle 19.. 00 all'1.. 00 in via Lamennais, 7 - 20153 Milano.. Martedì 03 Maggio 2011 17:24.. Il Mostro è nato ed ora sta crescendo.. Apertura Arci Liberate Barabba di questa settimana:.. Venerdì 6 e Sabato 7 dalle 19.. 00 in via Lamennais, 7 - 20153 Milano.. In anteprima mondiale il manifesto di Liberate Barabba.. Martedì 26 Aprile 2011 16:51.. Liberate Barabba diviene ARCI.. Barabba risponde a Napolitano.. La vecchiaia: un’età tutta da vivere.. Misure per le famiglie: tessera dell'elemosina.. Rifondazione comunista di Rozzano alleata del Partito del mattone?.. Si potrà un giorno colorare l'Italia?.. Barabba:quale cambiamento?.. Un pompino al potere.. La solitudine dei numeri primi.. Università statale: futura bancarotta?.. Fitness e benessere.. Ci vogliono tutti in camicia.. A Gaggiano c’è la Goccia.. In difesa del territorio.. Succede oggi in Italia.. triathlon in età evolutiva.. Assago: è arrivato il commissario straordinario.. L'adolescenza: anni esaltanti.. ma quante complicazioni.. Il Sindaco Sceriffo.. Marx, il grande ritorno.. Senza soste..

    Original link path: /index.php?option=com_content&view=section&layout=blog&id=19&Itemid=81
    Open archive

  • Title: Speciale Gaza
    Descriptive info: L'isteria di Israele.. Sono nervoso.. Fra poco dovrebbe arrivare all'aeroporto di Tel Aviv il compagno di mia figlia, che non è ebreo e in genere si veste in modo trasandato, non porta cravatta e ha una capigliatura poco curata.. Ieri un amico mi ha detto che la figlia del sociologo A.. E.. di Tel Aviv (casualmente un radicale di sinistra e pacifista) si sposa e quindi il padre aspetta un amico invitato al matrimonio (causalmente anche lui un pacifista).. Li lasceranno entrare in Israele? O dovranno giurare davanti a un rabbino o a un prete che esigono l'immediata liberazione del soldato Shalit, ostaggio di Hamas ormai da 5 anni? Il nostro nervosismo, il mio e quello del sociologo, non è nulla in confronto alla isteria del governo di Netanyahu.. Primavera palestinese?.. Al Cairo è stato firmato.. un documento molto problematico fra Fatah e Hamas che potrebbe significare la riunificazione palestinese.. Gli elementi dell'accordo sono diversi e non univoci, restano ancora aperti alcuni punti potenzialmente esplosivi, le divergenze sono ancora tutte lì e minacciano di far saltare la riunificazione.. Tuttavia sembrerebbe aprirsi un capitolo nuovo in Medio Oriente.. Prima di tutto bisogna chiarire l'enorme importanza dell'accordo per il processo di pace: senza riunificazione palestinese, la pace fra Israele e Palestina non sarebbe altro che mera finzione.. La riunificazione è la condizione essenziale, anche se non ancora sufficiente, per il processo.. Vittorio, mai vivo come ora.. Bisogna morire per diventare un eroe, per avere la prima pagina dei giornali, per avere le tv fuori di casa, bisogna morire per restare umani? Mi torna alla mente il Vittorio del Natale 2005, imprigionato nel carcere dell'aeroporto Ben Gurion, le cicatrici dei manettoni che gli hanno segato i polsi, i contatti negati con il consolato, il processo farsa.. E la Pasqua dello stesso anno quando, alla frontiera giordana subito dopo il ponte di Allenbay, la polizia israeliana lo bloccò per impedirgli di entrare in Israele, lo caricò su un bus e in sette, una era una poliziotta, lo picchiarono «con arte», senza lasciare segni esteriori, da veri professionisti qual sono, scaraventandolo poi a terra e lanciandogli sul viso, come ultimo sfregio, i capelli strappatagli con i loro potenti anfibi.. Vittorio era un indesiderato in Israele.. «Restiamo umani».. Che non rimanga un grido inascoltato.. Faceva un lavoro semplice, Vittorio.. Testimoniare la verità.. Un lavoro facile: basta dire ciò che vedi.. E, insieme, difficilissimo.. Devi dire tutto, senza filtri, preconcetti, convenienze, calcoli politici.. Lo faceva con un sentimento che sta diventando raro in politica: la passione.. La passione per la giustizia.. Quella passione che impedisce di girare la testa.. E Vittorio, da nonviolento, la testa non l’ha mai girata.. Non quando la Nato bombardava Belgrado, non quando la “coalizione dei volenterosi” attaccava l’Iraq.. Ma è in Palestina, a Gaza, che aveva dato il meglio di sè.. Documentando da anni quanto avveniva.. Giorno per giorno, ora per ora.. Richiamando le nostre coscienze intorpidite al dramma che si stava consumando.. Vittorio Arrigoni ucciso a Gaza.. E’ finito malissimo il rapimento a Gaza di Vittorio Arrigoni.. L’attivista dell’International solidarity movement, che per il manifesto ha raccontato dal vivo gli orrori dell’operazione Piombo Fuso e la situazione drammatica dei palestinesi della Striscia, sarebbe rimasto ucciso nel blitz che intendeva liberarlo nella notte.. Il suo corpo, fanno sapere fonti ufficiali palestinesi, è stato ritrovato senza vita in un appartamento del quartiere Qarame, a Gaza City.. In serata Hamas aveva annunciato “un’operazione di pulizia” negli ambienti islamisti vicini alla cellula salafita che aveva rapito Arrigoni al mattino.. Poco dopo veniva individuato il covo in cui il cooperante italiano era tenuto prigioniero ed entrava in azione un commando delle Brigate Ezzedin al-Qassam, il cosiddetto braccio armato di Hamas.. La casa di Vittorio.. Qualche settimana fa.. Vittorio Arrigoni mi ha salutato tono preoccupato, ma non per la sua presenza a Gaza bensì per la salute del padre, operato di recente e in precario stato di salute.. Ai genitori Vittorio è molto legato, non solo dall’affetto di figlio ma anche dalla condivisione di ideali politici.. Una famiglia impegnata a sinistra, da sempre, che lo ha appoggiato in tutte le sue scelte.. «Da casa mi arrivano notizie preoccupanti, per qualche settimana me ne andrò in Italia, ho voglia di rivedere mio padre», diceva.. Da Gaza invece non è più partito, forse confortato da qualche aggiornamento giunto dall’Italia.. Vittorio la Striscia di Gaza non la lascerebbe mai.. Gaza: il giorno dell'unità e le ossa rotte.. Ieri la Striscia di Gaza si era svegliata sotto un sole splendente, segnale di una nuova stagione alle porte.. Stagione politica, più che meteorologica.. Quando la sera è andata a dormire si è contata le ossa rotte.. A Gaza city, un ghetto martoriato da bombardamenti israeliani un giorno sì e uno no, sovrappopolato come pochi luoghi sul pianeta, è difficile fare una stima di quante migliaia di persone si sono riversate nelle strade della città ballando, urlando e cantando una sola univoca richiesta: la fine delle divisioni fra Fatah e Hamas.. I media locali hanno azzardato la cifra di 300 mila persone, proporzionatamente come se in Italia, in piazza, ne fossero scese dodici milioni.. I problemi non hanno tardato a verificarsi.. Treno israeliano superveloce ma in terra palestinese.. Due o tre treni ogni ora e soltanto 28 minuti per raggiungere Gerusalemme da Tel Aviv e viceversa.. E’ il più grande progetto infrastrutturale che il governo israeliano abbia mai intrapreso negli ultimi dieci anni: la costruzione di un treno ad alta velocità, anche conosciuto come progetto A1, che collegherà le due città.. Peccato che il percorso del treno, per sei chilometri e almeno in due aree, vada ben oltre la «Linea Verde» (la «frontiera» che per la legge internazionale separa Israele dalla Cisgiordania),  ...   il transito di prodotti vari, dall'acciaio al cemento, così come di giocattoli o matite colorate.. ISRAELE SENZA FUTURO.. Il Likud, il partito del futuro premier israeliano Netanyahu, e il partito Israel Beitenu capeggiato da Avigdor Lieberman hanno annunciato che arriveranno a un accordo sulla formazione della futura coalizione di governo.. Il risultato del negoziato non è chiaro, e infatti continuano le trattative segrete del Likud con il partito centrista Kadima per una coalizione ampia che non si basi unicamente sulla destra radicale.. È il caso d'intendersi: persino Netanyahu sembra capire che un governo d'estrema destra non lo porterà da nessuna parte.. E di spiegarsi: se non si mette in piedi la coalizione ampia e bisognerà includerlo nel governo, Lieberman è un moderato se lo si confronta ad alcuni dei possibili alleati.. Fondamentalisti, coloni dei Territori occupati, seguaci del defunto rabbino razzista Kahane: anche loro faranno parte della coalizione.. Meno conosciuti all'estero, sono l'aria peggiore che si respira e che minaccia il futuro di Israele.. Gaza: La logica del potere coloniale.. Sono stato reporter in Iraq, Afghanistan, Libano, Somalia e altre zone di guerra per quasi tutta la presidenza Bush.. I miei articoli sono stati pubblicati su quasi tutte le maggiori testate.. Sono stato intervistato dai principali network e ho perfino deposto davanti alla commissione esteri del senato.. L’amministrazione Bush ha iniziato il suo mandato, e i palestinesi venivano massacrati, e lo conclude con Israele che perpetra uno dei massacri più gravi, fino ad ora, nei 60 anni di occupazione del suolo palestinese.. La visita di commiato di Bush alla nazione che ha scelto di occupare, si è conclusa con il lancio delle scarpe da parte un colto e laico Sciita iracheno, che ha così espresso i sentimenti di tutto il mondo arabo, non dei dittatori, che, imprudenti, si sono associati all’odiato regime americano.. Israele: se la vittoria militare è una sconfitta poltica.. Israele è il vincitore della battaglia, per le cifre sulle vittime e il dominio da terra, mare e cielo.. Ma il rinnovato peso di Hamas tra i palestinesi, la rottura in Medio Oriente, l'Onu che denuncia stragi di civili, mostrano il profondo fallimento.. Da quando Israele ha lanciato la sua operazione militare con l'offensiva del 27 dicembre, l'attenzione è andata in massima parte alla guerra di terra, alle vittime e alle crudeltà della guerra urbana nell'affollata Striscia di Gaza.. Ora che è in corso un cessate il fuoco, l'attenzione si sposta naturalmente dalla controversa questione se quello di Israele sia stato un atto di difesa giustificabile, alla valutazione degli effetti.. Questo tipo di indagine sollecita degli interrogativi su cosa Israele abbia ottenuto.. Gli scopi dichiarati dai suoi leader erano porre fine al lancio dei razzi e bloccare il traffico di armi attraverso i tunnel, ma la portata degli obiettivi israeliani appare ben più ambiziosa.. Israele spara, gli islamici reprimono.. Avevano sentito i carri armati avvicinarsi.. Erano le tre e mezza del pomeriggio del quindici gennaio scorso.. Senza tempo di pensare a fare fagotto, Mahmoud 52 anni e Saira 42, hanno chiamato a raccolta i loro quattro figli Aboud, 16 anni, occhi chiari, che sogna di studiare medicina al Cairo, Rana, 12, che vuole fare la giornalista, Maja, quattro anni e una chiacchiera incessante e il piccolo Ahmed di due, che appena può salta in groppa al padre.. Si sono chiusi alle spalle la porta del grande appartamento in Tower Road, e sono scappati a piedi, correndo a più non posso, verso le zone interne del loro grande quartiere, Tal el Hawa a di Gaza City, dove speravano che i tank israeliani non avrebbero potuto proseguire, trovando rifugio da amici.. Gaza, a Rafah riprende il ''business'' dei tunnel.. Rafah -.. Ibrahim Zoored mostra un largo sorriso.. L’aria contenta, assiste al riempimento di un camion cisterna di carburante venuto dall’Egitto.. "E’ così, le cose si rimettono in modo! E’ la vittoria della Palestina sugli israeliani.. Non potranno mai distruggere tutti i tunnel".. A Rafah, il cunicolo di 250 metri di lunghezza che passa sotto al frontiera egiziana non è stato toccato dalle bombe che sono cadute in questa zona durante la guerra.. Il 21 gennaio, tre giorni dopo il cessate il fuoco, il "business" dei tunnel riparte.. Su delle malridotte strade di sabbia, jeep, trattori, carretti trainati da asini si aprono un passaggio in mezzo a crateri profondi diversi metri.. Delle pale meccaniche lavorano a pieno regime per tappare le buche, livellare, liberare gli ingressi dei tunnel crollati.. Dopo i massacri israeliani è resa dei conti tra Hamas e Fatah.. Sono semplicemente dei criminali di guerra, sono stupidi.. Gaza, arriva Ban Ki Moon.. Israele: il ritiro non sarà completo.. Carico d'armi USA per Israele.. La dissipazione di Israele - Lettera aperta per gli ebrei italiani.. Gaza tra rabbia e distruzione una catastrofe come Hiroshima.. Operazione “piombo fuso”: ma qual è la “vittoria” per Israele?.. Fosforo e nuove tecnologie belliche devastanti secondo Human Right Watch.. Gaza: aperto fuoco anche sui media.. Palestina: tra neoliberismo e potere Usa.. Appello di Vento di Terra.. A Gaza rispettare i principi umanitari.. L'appello degli Unhcr.. Appelli per Gaza/2: Tavola della Pace.. “Ci stanno uccidendo nell'indifferenza del mondo”.. Israele: il business della vendetta.. Appelli per Gaza/1: Pax Christi Italia.. Israele attacca intenzionalmente personale medico.. Tentativo di rompere l'assedio di Gaza.. Olmert ha sbagliato, la sua guerra non è stata giusta.. Unità per fermare la guerra.. Mattatoio Gaza.. Appelli per Gaza/2: Tavola per la Pace.. Per non rimanere neutrali nella storia.. PRESIDIO-FIACCOLATA PER GAZA.. Quei bambini, il bersaglio più comodo.. Repotage: La verità sulla strage di Chatila.. Tregua e razzi, le verità di Tel Aviv non convincono.. Non si uccidono così neanche i gattini.. Marcia dei folli - La schizofrenia di Israele tra le macerie della striscia..

    Original link path: /index.php?option=com_content&view=section&layout=blog&id=17&Itemid=70
    Open archive

  • Title: Accade...
    Descriptive info: intorno a noi.. in Italia.. nel mondo.. Libia, sui massacri silenzio bipartisan.. La Libia è lo specchio del degrado delle classi dirigenti a livello mondiale.. L’Onu qualche mese fa ha benedetto la guerra dando il via libera ai bombardamenti contro Gheddafi.. Lo ha fatto violando la sua carta costitutiva, che la obbligava ad aprire una trattativa tra le parti.. Contravvenendo ai suoi scopi e ai suoi principi l’Onu ha accettato il fatto compiuto della guerra ovviamente in nome di scopi umanitari: fermare i massacri.. Adesso che la guerra è stata vinta dalla parte appoggiata dai bombardieri, cosa fa l’Onu? Nulla.. In Libia sono in corso vendette e man mano che il conflitto procede cambia il suo scopo.. Adesso veniamo a sapere che il problema è uccidere Gheddafi e che per ottenere questo obiettivo il conflitto può proseguire e con esso la distruzione e gli ammazzamenti.. Cosa ha da dire su questo l’Onu? Nulla.. E' solo l'inizio.. 1991, prima guerra del Golfo; 1999, guerra contro la Serbia per il Kossovo; 2001, guerra contro l'Afghanistan; 2003, seconda guerra del Golfo; 2011,guerra di Libia.. Una sequenza lineare.. Con partecipazione a volte diretta a volte obliqua dell'Onu, sempre più succube, e con la Nato sempre più calata nel suo ruolo di agenzia militare delle Nazioni unite.. Chi scrive è autorizzato dal CLN.. I tempi stanno cambiando.. Stanno cambiando così rapidamente che per la prima volta il 25 aprile è caduto il 30 maggio.. Questa è la cronaca di alcune decisive ore della giornata di ieri.. Chi scrive è autorizzato dal Cln.. Ore 15.. Chiusura delle urne a Napoli.. Compaiono i primi banchetti di magliette con la scritta "Viva 'o sindaco" e la faccia di De Magistris.. Ore 15,07.. Una nota casa farmaceutica svizzera dichiara che testerà i suoi nuovi ritrovati contro l'ulcera su Maurizio Lupi.. 25.. Primi dati da Milano: Matteo Salvini tenta un gesto estremo: legge un  ...   "disputerà" domenica e lunedì a Milano.. Qui il problema è un altro, anche se riguarda per forza di cose l'attuale amministrazione della città: il Comitato "Milano sì muove", che sta promuovendo la partecipazione ai referendum, protesta perché il Comune non ha fatto partire la campagna di informazione sulla consultazione referendaria, come invece aveva promesso.. La denuncia dell'organizzazione bipartisan a cui prendono parte sia esponenti di centrosinistra come il verde Enrico Fedrighini e il radicale Marco Cappato, sia esponenti di centrodestra come l'ex assessore Edoardo Croci, arriva proprio mentre infuria il dibattito elettorale sull'abolizione di Ecopass, di cui invece uno dei quesiti chiede il potenziamento.. Siamo tutti milanesi.. Nucleare, Berlusconi spiega il trucco.. ATENE NON SI PIEGA.. Suonargliele a donna Letizia.. Romano ministro, un messaggio alla mafia.. Il nuovo Grande gioco.. Milano - La prof negazionista del Manzoni: Basta con il mito dell'Olocausto.. L'Età del Vomito.. Un giro di mazzette decapita la giunta di Buccinasco.. Libro verde di Gheddafi, note a margine.. Sciopero generale: una grande sfida che ci aspetta.. Libia, la rivoluzione online.. Scandalo malasanità, ospedale di Rho nella bufera.. E ora il ministero manda gli ispettori.. L'Italia del signor B: né prestigio né sovranità.. Rompendo i confini.. La primavera di Milano.. Marco d'Eramo: La lotta di classe in America.. Democrazia e beni comuni:crisi ecologica e riconversione produttiva per un nuovo modello di sviluppo.. Nel precipizio.. Democrazia e saperi come bene comune: verso gli Stati Generali della conoscenza.. A Dakar, mentre cadeva Mubarak.. La Fornace torna a Bruciare!.. L'appello di Arci e Cgil per il decennale del G8 di Genova.. LA BARZELLETTA DI PIAZZA TAHRIR.. Dell'Utri fu mediatore tra mafia e Berlusconi.. Rifiuti tossici e interi palazzi costruiti su discariche abusive, è Gomorra a Milano.. NEL MONDO ISLAMICO LA RIVOLUZIONE E' UN BENE COMUNE.. Un'altra strage impunita.. Contro Obama la società barbara.. EGITTO: TRA FACEBOOK E SOCIAL NETWORK, COSÌ IL WEB HA ACCESO LA RIVOLTA..

    Original link path: /index.php?option=com_content&view=section&layout=blog&id=6&Itemid=57
    Open archive

  • Title: Politica, diritti, società
    Descriptive info: 20 visitatori online.. / 18.. E L'UOVO DEL SERPENTE DI GOLDMAN SACHS.. / 49.. In piazza del Quirinale la sera del 12 novembre una folla grida a perdifiato: “Galera galera”.. E’ il popolo italiano, che vuoi farci.. Feroce con i tiranni che paiono scivolare giù dal piedistallo, dopo averli adorati quando erano trionfanti.. Ma questa volta il branco non è solo feroce, è anche stupido.. MARX E IL GOVERNO MONTI.. / 329.. L’economia non solo domina la politica, dettandole agenda e decisioni, ma è oramai posta al di fuori delle sue competenze e del controllo democratico, al punto che il cambio dei governi non modifica più gli indirizzi di politica economico e sociale.. Negli ultimi trenta anni si è proceduto, inesorabilmente, a trasferire il potere decisionale dalla sfera politica a quella economica; a trasformare possibili decisioni politiche in incontestabili imperativi economici, che sotto la maschera ideologica dell’apoliticità nascondevano, al contrario, un impianto eminentemente politico e dal contenuto assolutamente reazionario.. SIAMO SOTTO DITTATURA E FESTEGGIAMO?.. Le immagini della folla vociante che festeggiava la caduta del governo Berlusconi, cantando inni religiosi e perfino Bella Ciao, stridono drammaticamente con la realtà del paese e del momento.. Non ce l’ho con le persone che hanno festeggiato come i tifosi di una squadra per la sconfitta dell’odiato avversario.. Constato, con pena, che molti e molte, che pure magari si considerano progressisti o addirittura di sinistra, sono ridotti appunto ad essere passivi tifosi, più contro Berlusconi che a favore di qualsiasi cosa.. Il lavoro è svalorizzato e deprivato della sue funzioni sociali e morali, ridotto a pura merce fra le altre, e conseguentemente lavoratrici e lavoratori sono in balia di un mercato che li tratta come cose e che non tollera la loro umanità e tanto meno la stessa possibilità che i loro interessi comuni possano pesare nella società, nei confronti delle loro controparti, nelle istituzioni dove si prendono le decisioni, nel sistema dell’informazione, nel mondo della cultura.. Di converso esiste una casta, questa si davvero una casta, di capitalisti, di banchieri, di finanzieri, di “manager”, di tecnocrati e di burocrati che decidono per tutta l’umanità, i cui interessi, perfino immediati, sono assolutizzati e santificati come gli “unici possibili”, come oggettivi, come indiscutibili.. / 1.. Alleluja.. Silvio Berlusconi si è dimesso.. Dopo diciassette anni e una giornata lunghissima, carica di tensione, seguita in diretta dai siti di tutto il mondo, l'imprenditore televisivo che avrebbe dovuto far funzionare l'Italia come la sua azienda molla la presa dopo averci trascinato al collasso e trasformato il suo sogno nel nostro incubo.. Ci lascia in eredità un paese sfigurato dal colossale conflitto di interessi, sconvolto nelle elementari regole di convivenza, spolpato nelle residue energie dalle cricche di ogni ordine e grado, umiliato dalla prostituzione, non solo sessuale.. Purtroppo è difficile gustare pienamente la fine del sultanato, assaporare il tramonto della pubblicità, apprezzare il declino della volgarità.. Il perché è molto semplice: a disarcionare il Cavaliere non è stata la forza delle opposizioni, la rinascita di una sinistra, ma la potenza dello spread, la legge dei mercati.. Europa nata male e come cambiarla adesso.. A luglio, quando è precipitata la crisi greca, ho chiesto ad alcuni padri dell’Unione Europea se e quale era stato l’errore nell’impianto ormai scricchiolante della Ue.. Con Sbilanciamoci e Opendemocracy è iniziata una discussione che si è presto spostata dal “perché” si è arrivati a questo punto al “che cosa fare perché la situazione non si aggravi”.. Ad essa hanno portato contributi preziosi molti economisti e sociologi, e sarà pubblicata interamente come ebook.. In essa si sono confrontate alcune voci, peraltro interessanti, che hanno proposto l’uscita dall’euro dei paesi in maggiore difficoltà, primo la Grecia, mentre la maggioranza ha ragionato su come mantenere l’euro e la Ue dandole un nuovo indirizzo.. Condivido queste ipotesi correttive, esposte da Mario Pianta sul manifesto del 6 novembre.. Ma quali forze politiche le porteranno avanti? L’Europa è nata male.. Una federazione europea, che era stata un ideale antifascista di pochi, sarebbe diventato più forte con la vittoria sul nazismo e sul fascismo: l’orrore del secondo conflitto mondiale avrebbe finalmente indotto il bellicoso continente ad andare a una pace perpetua dotandosi d’una qualche struttura federale.. Il 15 ottobre scorso, mentre ancora affluiva gente al concentramento della manifestazione, tra piazza Esedra e Piazza dei Cinquecento un giovane studente universitario o forse precario, non lo sappiamo, si è staccato da una fila ed è montato su un camion, ha  ...   motivazione economica che giustifichi un simile provvedimento.. Anzi, come sottolinea la Federalberghi, si tratterebbe dell’ennesima mazzata al comparto turistico e recettivo colpiti a morte dalla cancellazione delle vacanze brevi.. La motivazione vera è il carattere reazionario e antinazionale di questo governo.. L’odio di classe ispira tutta la manovra economica ma anche i suoi “accessori” come la cancellazione dell’art.. 18, del contratto nazionale e delle festività che richiamano la storia migliore del nostro Paese.. Il messaggio che arriva è chiaro: scordatevi ogni sentimento di liberazione, ogni dignità del lavoro, ogni pagina di riscatto popolare come fu l’esito del referendum tra monarchia e repubblica.. Franco Berardi: London calling.. L'ultima estate all'inferno e la prima dell'insurrezione cognitaria.. Ero a Liverpool il 26 ottobre 2010, quando John Osborne Ministro dell'economia del governo conservatore inglese tenne il discorso nel quale si dichiarava l'intenzione della classe politica al servizio del capitalismo finanziario inglese di devastare la società, o meglio quel che della società è rimasto dopo trent'anni di politiche neoliberiste thatcheriane e blairiane.. "Cinquecentomila dipendenti pubblici saranno licenziati entro tre anni, la spesa per la sanità pubblica saranno ridotte drasticamente, le tasse universitarie saranno moltiplicate per tre" dichiarava quel giovanotto col sorriso sulle labbra.. E così via.. C'E' UNA NUOVA SUPERPOTENZA.. È nata una nuova superpotenza.. Non è la Cina.. Non è neanche uno stato sovrano.. Non ha eserciti, eppure ci ha appena dimostrato che è capace di piegare anche la nazione che possiede il più devastante arsenale nucleare.. Questa nuova superpotenza è un'agenzia di rating, cioè una ditta privata che valuta il livello di rischio rappresentato dall'investire in un'azione, in una valuta, in un'obbligazione.. Più basso il voto (il rating), più alto il rischio e quindi più alta deve essere la remunerazione (il rendimento dei Btp per esempio).. Sapevamo già che il posto di lavoro di un insegnante greco, la pensione di un'infermiera spagnola o il ticket sanitario degli italiani dipendeva dai giudizi di queste agenzie, Moody's o Standard & Poor's (S&P's).. Il clamoroso fiasco della Nato (e dell'Italia).. Afghanistan e Libia, guerre inutili.. e costose che il senato ha rifinanziato ieri.. Guerre ipocrite («non siamo in guerra») di cui, al di là delle vaghe.. exit strategies.. di volta in volta annunciate, non si vede via d'uscita.. Come tutte le guerre, facili da cominciare, difficili da finire.. E se la guerra in Afghanistan dopo dieci anni - già più lunga di quella del Vietnam - presenta un esito molto incerto, per usare un eufemismo, con i taleban passati per forza di cose dal ruolo di nemici da distruggere a quello di interlocutori ineludibili, la guerra di Libia dopo cinque mesi, qualunque sia il suo sbocco finale, costituisce senza tema di smentite un fallimento colossale della Nato.. Una strage in cerca d'autore.. La verità è già storia.. Eurotruffatori bugiardi.. Ma la via d'uscita c'è.. Se a votare sono i mercati.. La banda degli onesti.. No-Tav, beni comuni e modernità.. Quella vera.. Carlo Giuliani, per sempre ragazzo.. NoTav e la questione del debito: la 'Piazza Statuto' dei beni comuni.. Tav: chi è responsabile apra il confronto.. I no TAV fermano i lavori tre ore di guerriglia.. Per la Lega si è chiuso un ciclo.. Il ministro precario.. Massa critica.. La svolta referendaria.. La Cassazione dice sì al referendum nucleare.. Intervista a Marco Revelli: «Ora è la destra che non capisce i cambiamenti della società».. Pisapia e il principio di realtà.. Italia in ginocchio.. Noam Chomsky: La mia reazione di fronte l’uccisione di Osama Bin Laden.. Il trionfo di Obama, con tante domande.. Parco Carlo Giuliani a Kreuzberg-Berlino.. Giustizia, vendetta e spettro del Nemico.. Presidente, le bombe no.. Per cambiare.. Appello per i Referendum.. Intervista a Lucio Caracciolo (Limes): «La guerra in Libia? Un caso riuscito di disinformazione».. Bombardiamo anche noi, Berlusconi alla carica.. Una «bella» Liberazione con la camicia nera.. Referendum: effetto boomerang dello scippo.. Derive approdi (fatali).. Acqua pubblica, ancora più di prima: tutti al voto.. Cambiare le cose , L'Arci si presenta.. Le sue bambine.. Prescrizione breve, l'utilizzatore iniziale.. Condannati alla crescita.. Un intervento neo-imperiale.. “Salva Silvio” in tre mosse.. I disastri della guerra.. Se l’occidente si crede Dio.. Camminare sull'acqua.. Ma voi pacifisti che fareste?.. Dal Lago: Sentito Frattini.. Così si uccide il Risorgimento arabo.. Così la comunità internazionale crea Stati figli e figliastri.. Senza rimpianti.. Prima che sia troppo tardi.. Un mondo diverso è possibile.. BENTORNATA, PAZZA INTER.. La cricca dell'atomo.. Giustizia: dieci ragioni.. La cronaca dei fatti..

    Original link path: /index.php?option=com_content&view=section&layout=blog&id=7&Itemid=2
    Open archive

  • Title: Lavoro, economia & sindacato
    Descriptive info: Il monopolio dell'economista.. / 6.. La trasmissione l'Infedele di lunedì, dedicata da Gad Lerner alla manovra economica e al problema del debito pubblico, induce ad alcune riflessioni.. Tralascio gli interventi di apologia dell'evasore-imprenditore (a cui Arzignano ha dedicato un monumento) e quello sul suo ispiratore - il governo Berlusconi - affidata a un sottosegretario addestrato a schivare le domande.. Tralascio anche quello di Maurizio Landini che ha spiegato che se siamo a questo punto è il meccanismo che ci ha portato fin qui a dover essere cambiato.. Oltre a loro erano presenti un (ex) banchiere, autore di una proposta sensata di imposta patrimoniale, un giornalista economico che sa radiografare con cura i bilanci aziendali e un economista che è una delle migliori voci nel campo dell'analisi finanziaria a livello internazionale: tutti e tre fortemente critici non solo nei confronti del governo Berlusconi e delle sue manovre, ma anche - in parte - delle politiche dell'Unione Europea.. E' in gioco la democrazia.. Il miglior atto di responsabilità verso il Paese che la Cgil potesse assumere lo ha fatto proclamando lo sciopero generale e chiamando tutti alla mobilitazione.. Questa manovra del governo dev'essere profondamente cambiata, a partire dal ritiro dell'articolo 8 che cancella il diritto del lavoro, il contratto nazionale e lo Statuto dei Lavoratori.. Non è sufficiente: un governo che con le sue leggi classiste sta attentando alla nostra Costituzione formale e materiale dev'essere mandato a casa.. Di conseguenza, lo sciopero generale non può restare un momento a sé, per quanto fondamentale, ma deve segnare l'inizio di una mobilitazione straordinaria capace di durare il tempo necessario ad ottenere tutti questi risultati che non si esaurirebbero neanche con un cambiamento radicale della manovra.. La Confindustria sta sostenendo apertamente le scelte del governo.. Scelte che, con l'art.. 8, promuovono l'odioso metodo della Fiat a Pomigliano e Mirafiori a legge dello stato, in violazione di altre leggi fondamentali.. Troppi profitti dalla finanza, troppo pochi dagli investimenti che servono all'economia e alla società.. Mancano i consumi, la politica è assente, la crisi si aggrava.. Dopo gli errori dell'Europa neoliberista, siamo all'autodistruzione del capitalismo?.. Le questioni messe in luce da Rossana Rossanda e altri interventi al dibattito sulla crisi sono di grande importanza.. Vorrei partire dalla questione su quale tipo di Unione dovesse venire prima in Europa: quella economica o quella politica? Non si tratta di un problema di priorità temporale ma di che tipo di Unione vogliamo, all'insegna di quali contesti ideologici.. L'Unione Europea - che è soprattutto di tipo economico come nota Rossanda - è stata realizzata all'insegna del neo-liberismo e dell'ortodossia economica neoclassica: i mercati sono efficienti, sanno regolare l'economia ed è loro - non dello Stato - il compito di farlo.. Sciopero Cgil il 6 settembre.. La data è decisa.. , e ormai è una corsa contro il tempo  ...   di bilancio diventerà irraggiungibile: anche ridurre la spesa pubblica non basta per colmare i deficit.. Così gli interessi si accumulano, anno dopo anno, e il debito cresce, facendo aumentare a sua volta i tassi, e con essi il deficit.. Anche se prescritto dalla Costituzione (con una norma che seppellisce tutto il pensiero economico originale del Novecento) il pareggio di bilancio diventa una chimera.. Una manovra costituente.. Quella varata dal governo Berlusconi, sotto dettatura dalla BCE e dalla Germania, non è solo una manovra economica.. E’ una grande rivoluzione conservatrice che usa il potere dello stato per stravolgere i rapporti tra le classi sociali e uscire dal compromesso democratico che ha caratterizzato il secondo dopoguerra.. Nella manovra si privatizza tutto il possibile e si demolisce il welfare.. Nessuno capirà più perché bisogna pagare le tasse ad uno stato che non ti da nulla in cambio o che ti obbliga a pagare una altra volta i servizi attraverso le tariffe.. La grande abbuffata di miliardi della FED.. Sedicimila miliardi di dollari in prestiti senza interesse dagli Usa alle grandi banche mondiali: come il pil dell'intera Ue.. Il Pil realizzato nel 2010 dai 27 paesi dell'Unione europea è stato valutato 16.. 106 miliardi di dollari.. Quello dell'Italia 2.. 036 miliardi e del Belgio 461 miliardi (Fmi, World Economic Outlook Database, 2011).. Ebbene, il rapporto dell'audizione effettuata sulla Federal Reserve Bank , la Banca Centrale degli Stati Uniti, per la prima volta della sua storia, dal Gao (Government Accountability Office) degli Stati uniti, reso pubblico alla fine di questo luglio, rivela un fatto a prima vista incredibile: la Federal Reserve Bank ha dato in segreto, tra dicembre 2007 e giugno 2010, a banche e imprese americane e non, prestiti per circa 16 mila miliardi di dollari senza interesse e a condizioni di rimborso del tutto fluide.. Argomento: per «salvarle».. Dove va la CGIL?.. Miracolo italiano.. Tanto tuonò che piovve.. L'accordo è una prigione, ma la partita resta aperta.. REDDITO DI CITTADINANZA.. Grecia: Come affondare un paese per salvare le banche.. Applausi.. IL MITO DELLO SCIOPERO.. Cacciari: Lavoro come bene comune.. Thyssen Krupp, quella sentenza faccia scuola davvero.. Lo stregone Ichino, sempre contro i diritti dei lavoratori.. Precariocrazia.. Precario mondo.. Joseph E.. Stiglitz: Dell'1%, Dall'1%, Per l'1%.. Per una nuova politica economica in Europa.. Uniamo le lotte e generalizziamo lo sciopero.. Il 25 Marzo la conoscenza va in banca: Knowledge Against Financial CApitalism.. Si scrive sciopero, si pronuncia dignità.. Sciopero Cgil, bisogna fare sul serio.. La crisi e le rivolte in Nord Africa.. Vladimiro Giacchè: Eurocrack.. Contro la crisi, libertà totale alle imprese.. La Corte costituzionale e i passi per l’acqua pubblica.. Libero Marchionne in libero mercato.. La corruzione, la malapolitica e il Mezzogiorno.. E noi faremo come Schroeder.. Fiat, il gioco al massacro di Marchionne sulla pelle dei lavoratori.. Sciopero, atto primo..

    Original link path: /index.php?option=com_content&view=section&layout=blog&id=10&Itemid=37
    Open archive

  • Title: Giovani & Scuola
    Descriptive info: 18 visitatori online.. Università anno zero.. La distruzione degli atenei, la Carta di Bologna del '99, il ruolo del cognitariato, un articolo da leggere e commentare, come sempre Bifo non delude.. La Redazione di Liberate Barabba.. La scienza fisica parla di feedback positivo per riferirsi a situazioni in cui un effetto causato da certe condizioni finisce per rinforzare le condizioni che hanno provocato quell'effetto.. Prendiamo come esempio un termostato che regola la caldaia in maniera tale che, se il calore aumenta, l'intensità del calorifero viene accresciuta, e così via all'infinito.. Grazie al feedback negativo, invece, il termostato agirà in modo tale che, se il calore aumenta, la caldaia viene spenta o abbassata, così che si possa evitare di finire arrostiti.. La civiltà sociale della modernità aveva creato dei termoregolatori a feedback negativo, per cui se il funzionamento del mercato produceva disoccupazione lo stato interveniva a ridurre l'azione del mercato attivando spesa sociale, e se lo sfruttamento si faceva troppo pesante i lavoratori reagivano attraverso lo sciopero o forme simili di azione consapevole in modo tale da ristabilire un rapporto di sfruttamento meno feroce.. Attenti ai giovani.. Non so quanta responsabilità abbia Mario Draghi nella famosa lettera della Bce da lui firmata (sul manifesto di ieri si è fatta una spiritosa battuta sul dottor Jekyll e Mister Hyde), ma certo il suo discorso a Sarteano mi è parso estremamente utile e tempestivo.. L'Italia - ha detto - per uscire da stagnazione e crisi deve puntare sui giovani.. Questi giovani italiani che registrano il massimo di disoccupazione in Europa, che sono marginalizzati dall'attuale dibattito politico.. Il fatto che a Sarteano il governatore di Bankitalia e prossimo presidente della Banca centrale europea abbia messo al centro del suo discorso i giovani dovrebbe indurre a cambiare registro all'attuale dibattito politico, che non può andare avanti con «forza gnocca» e quant'altro del genere.. QUESTA E' LA RIVOLTA DEGLI ESCLUSI DAL DENARO.. In rete rimbalzano foto della rivolta nelle città inglesi che mostrano episodi di saccheggio.. Il premier inglese Cameron, ieri, ha etichettato la protesta «pura criminalità».. Una lettura che prelude a quella che sarà l'unica risposta tangibile del governo inglese: sedicimila agenti schierati per le strade di Londra, città epicentro degli scontri.. Eppure, proprio i saccheggi, esibiti come prova incontrovertibile del carattere violento dei rivoltosi, sono il sintomo di un corto circuito nell'immaginario simbolico.. L’inganno delle fondazioni.. L’art.. 16 del decreto-legge n.. 112 del 2008, come convertito in legge n.. 133 del 2008 attribuisce alle università, o meglio al senato accademico, la facoltà di trasformarsi in fondazioni di diritto privato; si attribuisce a tale organo il potere di cambiare natura giuridica e trasformare l’università da soggetto di diritto pubblico in soggetto privato.. L’incipit del primo comma dell’art.. 16 è il seguente: “.. In attuazione dell’art.. 33 della Costituzione, nel rispetto delle leggi vigenti e dell’autonomia didattica, scientifica organizzativa e finanziaria, le Università pubbliche possono deliberare  ...   Non più solo Londra ma altre città del paese.. Abbiamo ancora molto da fare.. Carissime, carissimi.. il rallentamento nella applicazione della legge Gelmini non ci deve purtroppo lasciare tranquilli e rilassati.. Gli intoppi verificatesi nella applicazione o le piccole aperture alla ragionevolezza di chi sostiene la validità del tempo pieno, lo si devono soprattutto alle grandi mobilitazioni fatte nei mesi scorsi.. Tuttavia la legge Gelmini non è stata modificata, i tagli di 8 miliardi, la diminuzione di circa 80.. 00 insegnanti e 40.. 000 amministrativi ci sono ancora.. Riconfermata è la prospettiva del maestro unico a 24 ore che è ancora il modello scolastico preferito dalla ministra.. Non dobbiamo correre il rischio di cantar vittoria e abbassare la guardia, questa ministra ha già ampiamente dimostrato di voler distruggere la scuola pubblica, solo la nostra mobilitazione può impedirlo.. Per questo credo sia necessario riprendere i nostri incontri a gennaio con lo stesso vigore ed entusiasmo che ci ha caratterizzato nel mese di ottobre.. Bisognerà coordinarsi per:.. fare si che vengano rispettate le richieste del tempo pieno (quello didattico e non quello del parcheggio) ;.. organizzare nella zona , come preventivato, dei cineforum o spettacoli teatrali che raccontano il mondo della scuola;.. organizzare assemblee pubbliche;.. allargare la informazione: propagandando e diffondendo a più persone possibile (anche fuori dal mondo della scuola) le ragioni per cui ci opponiamo al decreto Gelmini.. Comitato scuola sud-ovest.. UTOPIE CONCRETE.. La nuova divisione del lavoro e le stigmate della precarietà in un saggio dello studioso inglese Guy Standing.. «Il 1 maggio 2001, quasi 5000 persone, per lo più studenti e giovani attivisti sociali, si riunirono nel centro di Milano per una parade che si voleva alternativa alle tradizionali dimostrazioni del 1 maggio.. A partire dal 2005, la partecipazione alla MayDay parade si è ingrossata sino a interessare dalle 50.. 000 alle 100.. 000 persone.. ed è diventata pan-europea (EuroMayday), con centinaia di migliaia di uomini e donne, la maggior parte giovani, che si riprendevano le strade delle città dell'Europa continentale.. Documento politico finale dell'assemblea nazionale degli studenti medi.. I giovani i più penalizzati dalla recessione.. I report dell'Onda dall'Assemblea della Sapienza.. Come ti educo al nucleare.. Petizioni, blog e forum contro la Gelmini.. Piovono scuole.. Piovono pietre.. Gli indubbi vantaggi dell'essere asini.. L’attacco all’università pubblica: cause e finalità.. Gli studenti in piazza contro la decadenza culturale ed economica di un paese.. Scuola, la ministra ribalta la realtà.. Meglio pubblica.. Scacco alla Gelmini in cinque mosse.. Questo movimento degli studenti fa paura a tutti.. Il voto che svela la miseria del governo.. VIOLENZA PROBLEMA DELLA POLITICA.. La solitudine dei bravi ragazzi.. Cortei in tutt'Italia Scontri a Roma.. Disturbate il manovratore.. Se lo dice Giavazzi.. Riforma Gelmini: frutto bipartisan.. Come si misura una buona scuola.. Noi ricercatori siamo l'università.. Università: i giorni dell'ira.. Gli studenti rilanciano.. Offerte benedette.. NOSTALGIA BALILLA.. Cosa ci dice la scuola di Adro.. Piovono tagli sull'università..

    Original link path: /index.php?option=com_content&view=section&layout=blog&id=8&Itemid=41
    Open archive

  • Title: Migranti
    Descriptive info: 17 visitatori online.. Lettera di una migrante a Giorgio Napolitano.. Sig.. Presidente della Repubblica, sentendo le sue dichiarazioni a Villa Vigoni durante il seminario sul futuro dell’Europa, non ho potuto che provare un attimo di schizofrenia nel cercare di collocare la mia persona in quella distinzione che lei ha fatto tra «immigrazione legale e illegale».. Con la prima lei si riferisce agli immigrati regolari, comodi per l’economia italiana, «anche se di non alta qualifica professionale», mentre nella seconda ci sarebbe l’immigrazione illegale «scomoda» e «riluttante a integrarsi».. Ho pensato alla mia vita.. In quale categoria mi collocherebbe Lei, Sig.. Presidente? Vale di più il mio essere stata per diversi anni una immigrata «clandestina» o il mio essere ora una lavoratrice «comoda» per l’economia italiana, «anche se di non alta qualifica professionale» (visto che di lauree non ne ho)?.. Il bluff degli “accordi” di Tunisi.. Chissà se un dirigente o un militante della Lega coglierà mai il punto, non dico per solidarizzare, ma almeno per sforzarsi di comprendere: e cioè che nessun cordone sanitario o respingimento o pattugliamento fermerà gente disposta a morire pur di avere una chance diversa di vita.. Il naufragio di questa notte, esattamente come quello di qualche giorno fa davanti alle coste della Libia, ne è una tragica dimostrazione.. Dietro le migrazioni contemporanee c’è semplicemente questo.. Che fuggano dalla guerra, dalla crisi economica, dalla disoccupazione, dall’incertezza politica, i migranti affrontano rischi tali da rendere ridicole le misure di contenimento, sia in patria, sia nel canale di Sicilia o sulle nostre coste.. E ciò rende in partenza un bluff gli “accordi” di Tunisi.. I fili spinati della nostra mediocrità.. Di fronte all’esodo, del tutto prevedibile, di alcune migliaia di migranti e profughi non potrebbe essere più indegna la farsa che si recita nell’infelice paese in cui è ci dato vivere, ormai padanizzato da Nord a Sud, con poche eccezioni.. E stridente è il contrasto fra la nobiltà della primavera araba e la miseria delle italiche risposte all’esito scontato e secondario di questa straordinaria svolta storica: nient’altro che caos, disumanità, allarmismo sociale, competizione fra egoismi istituzionali, campi di concentramento, filo spinato, minacce di rimpatri collettivi, ronde “spontanee” e caccia ai fuggitivi perfino nell’ospitale Puglia.. Il cinismo del governo sulla pelle dei clandestini.. Ancora una volta gli artefici di un autentico disastro umanitario cercano di mettere all'incasso elettorale le politiche della paura e dei respingimenti praticate in questi anni.. Prima si sono illusi ed hanno illuso gli italiani che gli accordi con i dittatori del nordafrica, da Ben-Ali a Gheddafi, riuscissero a bloccare le partenze.. Un risultato effimero che è stato raggiunto per breve tempo solo grazie alla politica dei "respingimenti collettivi", che il 22 giugno prossimo vedrà l'Italia sotto il giudizio della Corte Europea dei diritti dell'Uomo.. Sindrome leghista.. / 4.. Il ministro dell'interno Roberto Maroni, tra delirio di onnipotenza e sindrome dell'accerchiamento, minaccia la Tunisia: se  ...   diffuse in questi giorni tramite la rete, che li riprende in posa, insieme, lo sguardo rivolto verso l’obiettivo, l’espressione serena o sorridente, l’indice e il medio alzati in segno di vittoria o piuttosto di auspicio.. Osservateli bene quei visi perché sono l’immagine della speranza.. Non solo della propria: ottenere un permesso di soggiorno e il diritto di lavorare e vivere in pace e dignità.. La radice profonda del razzismo in Europa.. È una buona cosa che, sullo sfondo della persecuzione razzista dei rom in Francia, si sia aperta una riflessione teorica sul razzismo.. È tutt'altro che scontato che se ne sappia abbastanza (su ciò che lo produce e lo alimenta e, prima ancora, su ciò che il razzismo è) per reagire all'altezza dei suoi devastanti effetti attuali e potenziali.. Gli interventi di Etienne Balibar e Jacques Rancière sul manifesto hanno fatto luce su aspetti rilevanti.. Il primo si è incentrato sul nesso tra cittadinanza ed esclusione, mettendo in risalto come esso operi anche nel quadro dell'Europa comunitaria; il secondo ha insistito sulla natura artificiale (non spontanea) di un razzismo frutto dell'iniziativa di «imprenditori politici».. Rom, questione comune.. Dal punto di vista dei rom, il processo di unificazione europea ha di sicuro aperto delle possibilità di comunicazione nella comunità finora inesistenti e ha dato la possibilità di reclamare i propri diritti in modo più efficace e legittimo.. Ma non ha modificato la configurazione di base della persecuzione, o addirittura può aver dato ad essa una nuova dimensione.. Si tratta di una storia affascinante: quello che era ampiamente invisibile è diventato visibile e un'intera parte della storia d'Europa diventa comprensibile.. La diaspora rom si aggira per l'Europa.. Dove andranno i rom cacciati dalla Francia? Neppure i falchi francesi credono all'ipotesi che vadano in Romania e Bulgaria e ci restino.. E allora? Molto probabilmente alcuni di loro, se ci riusciranno, prenderanno i soldi del governo francese, spariranno per un po', faranno i nomadi e torneranno a casa loro.. In Francia.. L'esodo propagandato da Parigi è però sufficiente a scatenare le fobie dei paesi vicini.. Italia e Spagna per prime.. Da noi a temere di più l'invasione zingare sono i torinesi.. Nei giorni scorsi l'allarme è stato lanciato dall'assessore alla polizia municipale del comune di Torino, Domenico Mangone, che con una lettera ha chiesto aiuto a prefettura, provincia e regione.. Respinti dall'Italia rischiano la morte.. Quando i migranti sono padani.. Il razzismo è federale.. Immigrati in sciopero.. Maroni-Sacconi, trenta punti di vergogna.. LE COLPE ROVESCIATE.. L'amore dei bianchi.. Le lotte per la terra e i caporali di oggi.. CON LORO.. BIANCHI E NERI.. IL BOSSI CHE È IN NOI.. Invito all'indignazione.. E alla rivolta.. RAZZISTI CIOÈ CATTIVI.. AVVISO importante per i cittadini immigrati.. RAZZISMO, FASCISMO.. COME UN UOMO SULLA TERRA.. Un paese che spaventa.. Presidente Napolitano, non firmi questa legge.. Ora l'italia è più cattiva.. Aggressione neofascista a Roma contro la comunità bengalese..

    Original link path: /index.php?option=com_content&view=section&layout=blog&id=18&Itemid=80
    Open archive



  •  


    Archived pages: 562